Gen Verde in Spagna, adelante con fuego

Le tappe del tour a Huétor Tájar, Albacete, Pozuelo

ultimo aggiornamento 22/03/2017 17:55:17
2017 03 09 Albacete 09


Arriviamo a Huétor Tájar, in Andalusia, e ci accompagnano subito in piazza; pensiamo sia per la Festa della Regione che si celebra in quel giorno, e invece… sorpresa! Un brulicare di famiglie, giovani, bambini, radunati per dare “la bienvenida” proprio a noi: con la musica, le nostre canzoni e video sui grandi schermi, e alla fine una trentina di giovanissimi allievi delle scuole di danza flaminica e di ginnastica ritmica che hanno ballato con straordinaria creatività “Turn It Up” al ritmo di flamenco. Che stupore e che commozione…
Poi i workshop con centinaia di giovani, alla scoperta della bellezza del lavoro insieme per costruire qualcosa che rimane.
Un progetto che ha coinvolto tutto il paese, di cui per una settimana ci siamo sentite cittadine, coronato dal concerto al “Pabellón Multiusos”, che si è concluso con la nostra sorpresa per loro: tutto il gruppo di danza con noi su palco a ballare Turn It Up.
Grazie, piccolo paese dal cuore grande: ci hai lasciato il fuego dell’ottimismo
 
Ci hanno volute ad Albacete convinti che “Start Now è qualcosa di grandioso, un progetto educativo, sociale, culturale, spirituale”. Abbiamo trovato giovani vivacissimi, che una cosa così non se l’aspettavano, coraggiosi e impegnati seriamente nell’affrontare le sfide del lavoro di gruppo. “In poco tempo, con tanta voglia, si possono raggiungere tante cose anche con gente che non si conosce”. “Dietro ogni persona c'è una storia e per questo non si deve giudicare e fermarsi solo all’apparenza”. “Ciascuno di noi ha un valore, un dono, per cui dev’esserci il rispetto reciproco”.
“Credo sia stato il migliore concerto che ho visto in questi ultimi anni. Bellezza, eleganza nella messa in scena, nelle coreografie, le parole delle canzoni piene di significato e in più una capacità ammirevole di incorporare i ragazzi”.
Ripartiamo dalla Castiglia col fuego dell’esplosione di gioia che ha contagiato tutti
 
Invitate a Pozuelo de Alarcón per il 50° anniversario della fondazione dell’“Hogar Don Orione”, dato che è anche il nostro 50° – coincidenza oppure no – festeggiamo insieme con un concerto acustico. Tanto ascolto, tanta reciprocità in ogni brano, tanta alegría.
L’ultimo giorno viviamo un “mini workshop” – battezzato così viste le 3 ore passate in un lampo – con gli studenti del Colegio Monte Tabor, che si buttano nel lavoro attenti e sorpresi dei risultati finali raggiunti in così poco tempo.
Portiamo con noi il calore del fuego dei bellissimi momenti di famiglia vissuti qui.
 
E il tour continua. Ci troverete ancora a Bilbao, Pamplona, Azpeitia e Talavera de la Reina. Con tutti, continuiamo a sognare in grande. Vi aspettiamo!