Oltre le porte del carcere, oltre le porte dei cuori

Momenti speciali vissuti nel carcere di Rimini e in un teatro di Riccione

ultimo aggiornamento 17/11/2016 23:01:46
2016 11 17 Riccione - 01

Rimini. Quante porte si richiudono sbarrate a chiave alle nostre spalle, mentre entriamo. E poi eccoci: una trentina di detenuti e noi. Un paio di canzoni, esperienze di vita, il racconto del nostro lavoro... Ascolto profondo, sguardi profondi, qui ogni parola ha un peso e arriva dritta al cuore. “È la nostra canzone”, hanno detto di Ritornando, storia evangelica di perdono e riconciliazione. Gioia, rispetto, desiderio di incontrarci ancora. E quanta commozione tra tutti.

Chissà che l’incontro reciproco non sia stato una porta che si apre, stavolta: verso la speranza di ricominciare una vita nuova.  

E poi Riccione, concerto acustico. Trecento persone, clima caldo di famiglia, pubblico meraviglioso e straordinariamente partecipe che si è sentito trascinato “in una fusione straordinaria di sensazioni, dove entusiasmo, felicità, amore e attenzione verso l'altro hanno riempito il nostro cuore e anima”. “Grazie per quello che avete tirato fuori dalla parte più profonda, più intima di noi, e per questa cosa così grande che avete creato nel nome di Dio”.