Tessendo insieme il futuro

Il contributo del Gen Verde alla settima edizione di LoppianoLab

ultimo aggiornamento 11/10/2016 10:37:35
2016 10 01 LoppianoLab - 74

Intonato stavolta alla “powertà” – la povertà delle ricchezze e la ricchezza delle povertà – ha riaperto il suo cantiere LoppianoLab, uno spazio dove nessuno è solo spettatore. Col filo della cultura dell’unità si intrecciano persone e istituzioni, idee ed esperienze e si prova insieme a ricucire strappi e a tessere un domani più fraterno nei vari campi del vivere.
 
Quest’anno – è stata una novità – abbiamo proposto "Giovani in action!", workshop artistici aperti a chi più di tutti, per condizione anagrafica, è in cerca di un futuro diverso.
 
Così 160 giovani, tra cui italiani e una cinquantina proveniente da diverse parti del mondo coinvolti in un’arricchente esperienza d’interculturalità, hanno collaborato uniti da un clima famigliare d’ascolto, fiducia, contatto senza pregiudizi. Hanno provato – parole loro – a “capire l’esigenza di chi ci sta accanto e non solo la nostra”. Hanno detto: “Possiamo scegliere: o ridere di chi ha difficoltà oppure aiutarlo”. Hanno scoperto il miracolo dell’“insieme”, e ricchezze da condividere poi nella povertà di ogni quotidianità.
 
Gran finale, la performance offerta dal Gen Verde insieme a loro la sera conclusiva, in un Auditorium gremito di circa 900 persone, dove nessuno è rimasto seduto. Ascolto profondo, partecipazione e un’esplosione di gioia per tutti.